joe biden marijuana

Joe Biden, l’attuale candidato alla presidenza per il Partito Democratico, di recente ha fatto notizia a causa della sua dichiarazione a favore della decriminalizzazione e della rinegoziazione della marijuana – una grande evoluzione sul problema della riforma della politica in materia di droga per un politico che, tradizionalmente, è stato un attivo sostenitore della guerra contro le droghe.

A maggio, un portavoce di Biden ha detto alla CNN che l’ex vice presidente “sostiene la depenalizzazione della marijuana e intende cancellare automaticamente tutte le precedenti pene date per possesso di droga…”

Il portavoce ha continuato dicendo che Biden sostiene i diritti degli stati di continuare a fare le proprie scelte in merito alla legalizzazione e che avrebbe sostenuto la riprogrammazione della marijuana come farmaco Schedule II per facilitare la conduzione di ricerche mediche sulla cannabis.

Probabilmente Biden pensava che questa posizione lo avrebbe aiutato con gli elettori democratici primari. Invece, è stato ampiamente criticato per NON essere andato abbastanza lontano sulla questione della riforma della politica della cannabis.

La sua evoluzione da proibizionista a tiepido sostenitore della depenalizzazione della cannabis lo ha messo molto indietro rispetto ad altri sfidanti democratici primari come Elizabeth Warren, Bernie Sanders, Cory Booker e Kirsten Gillibrand, i quali hanno sponsorizzato la legislazione per riformare radicalmente le leggi della marijuana negli Stati Uniti, così come Kamala Harris e Beto O’Rourke, che sono sempre stati schietti sul loro sostegno alla riforma.

La posizione di Biden lo ha messo in linea con Barack Obama nel 2008 e con Hillary Clinton nel 2016, mentre il Partito Democratico si è ampiamente evoluto al di là di un simile approccio incrementalista sulla riforma della marijuana.

Se Biden risultasse vincitore nel suo partito, la sua posizione obsoleta sulla cannabis potrebbe rivelarsi dannosa per le elezioni generali.

L’anno scorso (2018) un politologo aveva illustrato il caso politico del presidente Donald Trump e il motivo per cui aveva deciso di sostenere la legalizzazione della marijuana in vista delle elezioni presidenziali del 2020.

Facendo ciò, Trump ha ottenuto il supporto dei giovani elettori, soprattutto di quelli favorevoli alla legalizzazione della cannabis negli stati “altalenanti”, come l’Arizona, l’Ohio e la Florida, o che sostengono le leggi sulla legalizzazione in altri stati “altalenanti”, come il Colorado, il Nevada e il Michigan.

Se il presidente Donald Trump fosse stato contrario ad un candidato pro-legalizzazione, avrebbe avuto bisogno di dichiararsi a favore della riforma prima delle elezioni per neutralizzarlo, insomma, una questione politica che sarebbe risultata vincente per i democratici.

Ma una candidatura di Biden potrebbe fornire al presidente Trump l’occasione d’oro per fare proprio questo problema e anche il bottino politico che ne deriva.

Dopotutto, un candidato come Joe Biden, che sarà un ottantenne quando terminerà il suo primo mandato, non è la scelta più stimolante per quegli stessi giovani elettori che sostengono in modo schiacciante misure coraggiose di riforma per la politica della cannabis.

Abbiamo già visto Trump attaccare Biden per il suo sostegno alle politiche draconiane sulla droga e sul crimine, incluso un disegno di legge chiave del 1994 che aveva contribuito a portare all’attuale crisi di incarcerazione di massa a stelle e strisce.

Ma il sostegno di Biden per misure punitive molto severe nei confronti dei consumatori di cannabis risale a ben prima della metà degli anni Novanta, lasciando di fatto alla campagna di Trump un tesoro di dichiarazioni e di proposte politiche con cui dipingere l’ex vice presidente come un falco criminale fuori controllo in un momento in cui è presente un vero e proprio consenso bipartisan per una riforma della giustizia penale.

La posizione di Joe Biden sulla Marijuana nel corso degli anni

marijuana cannabis

Durante l’isteria della guerra alla droga degli anni Ottanta, Biden ha introdotto una serie di leggi draconiane anti-droga che chiedevano, tra le altre cose, al governo federale di “usare aggressivamente criminali, civili e altri rimedi equi… contro i consumatori di droga.”

Nel 1990 ha introdotto il National Drug Control Strategy Act, che avrebbe creato “prigioni in stile militare” per le persone arrestate per reati legati alla droga.

Inoltre, anche se non ci sono conferme certe, avrebbe diretto il governo federale a lavorare con gli studi cinematografici e televisivi di Hollywood per incorporare un governo che appoggiava la propaganda anti-droga nelle sceneggiature cinematografiche e televisive.

Nel corso degli ultimi anni Joe Biden ha chiesto anche la pena di morte per i commercianti di marijuana, ha sponsorizzato il Rave Act, che di fatto ha istituito sanzioni penali per i promoter di concerti qualora le droghe fossero state trovate sul posto, indipendentemente dalla loro conoscenza dei crimini di droga, sostenuto le leggi sulla confisca dei beni civili, concentrandosi in particolare sull’applicazione della legge per i reati di droga a discapito di quelli relativi ai crimini violenti, ha collaborato con il segregazionista Strom Thurmond per negare il diritto di detenzione di armi legali alle persone con alle spalle reati per droga e, nel 2008, ha elogiato la DEA per aver colpito “in modo aggressivo tutte le organizzazioni coinvolte nella crescita, nella produzione e nella distribuzione di sostanze come la marijuana.”

Kyle Jaeger, di Marijuana Moment, ha fatto un ottimo lavoro nel riassumere molti dei tweet di Joe Biden, e anche di Trump, in merito alla politica adottata sulla legalizzazione della marijuana nel corso degli anni. Solo uno dei questi campionamenti include:

“Non penso che la marijuana dovrebbe essere legalizzata”- 1974

“Continuo a credere che sia un cancello per le altre droghe. Ho trascorso gran parte della mia vita come presidente della commissione giudiziaria occupandomi di questo. Penso che sarebbe un errore legalizzare.”- 2010

[Biden aveva] “seri dubbi sul fatto che la depenalizzazione avrebbe avuto un impatto importante sui guadagni delle organizzazioni criminali violente, dato che queste organizzazioni si sono diversificate in attività criminali al di là del traffico di droga” – 2012

“Penso che meriti una discussione. È totalmente legittimo. E la ragione per cui è necessaria una discussione è che, all’esame, ci sono più problemi con la legalizzazione che non con la non legalizzazione – 2012

Anche come vice presidente, Joe Biden era la persona di punta dell’amministrazione in materia di criminalità e politica sulle droghe. Eppure è rimasto in gran parte in silenzio mentre, stato dopo stato, l’America ha votato per legalizzare la cannabis e non ha fatto nulla per cambiare la politica federale, in maniera da allinearla al crescente consenso nazionale per la legalizzazione.

Tuttavia, se proprio dobbiamo essere onesti fino in fondo, l’amministrazione Trump, molto simile all’amministrazione Obama che l’ha preceduta, non ha fatto praticamente nulla fino ad oggi per spostare la politica della cannabis in una direzione positiva.

Ma, come durante il secondo mandato dell’amministrazione Obama, la Casa Bianca si è rifiutata di reprimere le imprese che commerciavano la cannabis legale e, facendo così, ha permesso all’industria di crescere molto negli ultimi anni.

La cannabis ago della bilancia nelle prossime elezioni presidenziali del 2020?

joe biden cannabis

C’è ancora un sacco di tempo per Trump per prendere provvedimenti esecutivi su questo tema, o almeno per fare affermazioni positive, prima che la campagna che lo distinguerebbe chiaramente dal ritornello di Joe Biden di sostenere politiche regressive, draconiane e razziste su droga e cannabis abbia inizio.

Le elezioni presidenziali del 2020 potrebbero sembrare l’ultima possibilità per il Partito Democratico di appropriarsi veramente dei benefici politici derivanti dal sostegno ad una significativa riforma della politica della cannabis e della sua relativa legalizzazione.

I candidati del Partito Democratico, in generale, stanno aprendo la strada con politiche progressiste ed espansive, che porterebbero gli Stati Uniti ad un futuro post-proibizionista.

Tuttavia, se il partito dovesse scegliere di mandare avanti un “dinosauro” della guerra alla droga come Joe Biden, probabilmente potrebbe non solo perdere l’opportunità di ottenere il bottino politico di una questione sempre più popolare, ma potrebbe anche passare il controllo della Casa Bianca a Donald Trump per altri quattro anni.

E su una cosa possiamo essere certi: gli americani, dopo quanto combinato dal presidente Trump in questi quattro anni, non stravedono più per lui né tanto meno per la sua campagna di rielezione.