bernie sanders legalizzazione cannabis

Il candidato alla presidenza Bernie Sanders ha promesso di legalizzare la cannabis a livello federale se verrà eletto alla Casa Bianca.

Il 77enne democratico si scontrerà con il suo vecchio nemico, Donald Trump, il prossimo anno, ma ha già promesso che metterà la marijuana in cima alla sua agenda politica.

Sanders ha in programma di dare il via libera alla cannabis ricreativa in tutti gli Stati Uniti, mentre la posizione anticipata di Trump non è all’altezza della piena legalizzazione.

Trump invece ha dichiarato che appoggerà i cambiamenti politici delle riforme già in atto per aprire l’industria alla cannabis usata per scopi terapeutici, ma che manterrà la linea dura sulla canapa usata per fini ricreativi.

Il contesto riflette una battaglia politica simile, avvenuta nel 1981, quando Ronald Reagan salì al potere dopo aver adottato un approccio rigoroso alle proposte del presidente di allora, Jimmy Carter, per una piena legalizzazione della marijuana.

Carter, la cui popolarità era in declino, aveva riposto le sue speranze di mantenere l’incarico in un’America che voleva vedere legalizzata la cannabis.

Reagan, d’altra parte, credeva che gli Stati Uniti non fossero pronti per una tale mossa e prese la virata opposta.

Il conservatore americano, appoggiando la linea antidroga, vinse le presidenziali a mani basse e l’ex rubacuori di Hollywood trascorse gli otto anni seguenti occupando la Stanza Ovale.

Quattro decenni più in là Bernie Sanders spera in un risultato simile – sebbene la sua sia un’inversione di rotta rispetto alla campagna presidenziale del 1980.

Sanders ha esposto la sua retorica sulla cannabis durante una recente intervista televisiva rilasciata a Joe Rogan, dove si è impegnato a legalizzare la marijuana per ordine esecutivo.

Quando sono stato candidato alla presidenza per la nomina democratica nel 2016, ho parlato di un sistema giudiziario criminale e non più funzionante, che ha finito per farci avere negli Stati Uniti più persone in prigione rispetto a qualsiasi Paese” ha affermato. “E quello che ho chiesto allora, e che chiedo ancora adesso, è la legalizzazione della marijuana in America.”

Bernie Sanders, quella volta che perse le staffe per una legge

Bernie-Sanders-On-The-Times-He-Smoked-Marijuana-672x358

Bernie Sanders viene guardato con sospetto dagli elettori americani, in quanto è ricordato come il politico che, alla presentazione del Federal Controlled Substances Act, che classificava la cannabis insieme all’eroina, alla cocaina e a tante altre, come droga pesante, è andato letteralmente fuori di matto:

Questo è fuori di testa – l’eroina è una droga killer” aveva urlato in preda all’agitazione.

Si può discutere su tutti gli aspetti negativi della marijuana, ma la marijuana non è l’eroina!” ha sottolineato, ricordando l’episodio. “Quindi dobbiamo porre fine a questo ed è quello che farò come Presidente degli Stati Uniti. Credo che possiamo farlo attraverso l’ordine esecutivo e lo farò.”

Sanders ha anche promesso di fare eco all’attuale politica canadese di cancellare i reati minori per marijuana dai casellari giudiziari.

Penso che alla fine dobbiamo legalizzare la marijuana, e la buona notizia è che alcune comunità, alcune città, lo stanno già facendo, cancellando tutti i reati minori per droga” ha aggiunto. “Quindi, se sei stato arrestato o hai precedenti penali per la vendita di marijuana, ciò sarà cancellato – e credo che sia la cosa giusta da fare.”