sigaretta elettronica thailandia

Il principale importatore di sigarette in Thailandia, Philip Morris Trading, sta facendo pressione sul nuovo governo e sui politici thailandesi affinché inizino a parlare con l’industria del tabacco e a trovare soluzioni costruttive per ridurre i danni causati dal fumo.

Il gigante del tabacco spera che il nuovo governo prenderà in considerazione gli innovativi “prodotti senza fumo” (sigarette elettroniche e prodotti da svapo in primis) per i fumatori, che altrimenti continuerebbero a fumare.

Philip Morris, ormai sotto attacco da decenni a causa di cattive pubbliche relazioni e di cause legali, sta ora puntando sempre di più sulle sigarette elettroniche e sullo svapo invece che sulle sigarette combustibili.

La Thailandia ha vietato l’importazione, la vendita, il consumo e il supporto ai consumatori di sigarette elettroniche nel 2014 e con pene che arrivano fino all’arresto e alla prigione per i trasgressori.

Philip Morris vuole che la legge venga modificata in modo da poter cambiare le abitudini dei fumatori thailandesi

Gerald Margolis, amministratore delegato di Philip Morris Thailand, ha confermato che la società vuole invitare il governo a far posto ad una discussione sostenuta dai risultati sull’impatto del fumo e tesa ad incoraggiare i responsabili politici a rivedere le prove scientifiche che indicano che i prodotti senza fumo sono un’alternativa più sicura alle sigarette e potrebbero ridurre significativamente i rischi per la salute una volta che i fumatori passeranno tutti alle sigarette elettroniche (che produce anche Philip Morris).

“Con gli attuali sviluppi della tecnologia e della scienza, è una grande opportunità che potrebbe allontanarci da alcune battaglie ideologiche che abbiamo avuto in passato e avere più discorsi su fatti e scienza invece di contribuire a creare un futuro senza fumo in Thailandia.”

Philip Morris International, insieme alla sua organizzazione gemella basata in Thailandia, sta lavorando per creare un ambiente privo di fumo, pianificando di interrompere completamente la produzione e la distribuzione di sigarette combustibili e di sostituirle con prodotti senza fumo il prima possibile, secondo quanto dichiarato da Margolis.

Dal 2008 Philip Morris ha investito più di 1,8 trillioni di baht per sviluppare prodotti senza fumo e sigarette “non combustibili” che rimangono ben al di sotto del punto di combustione quando vengono accese.

Ricerche scientifiche condotte di recente hanno scoperto che la fonte primaria di danno derivante dal fumo è provocato dalle sostanze nocive presenti nella sigaretta accesa, non dalla nicotina che viene consumata.

divieto fumo thailandia

In passato l’industria del tabacco ha tenuto discussioni regolari con il Ministero del Commercio e il Dipartimento delle Accise per condividere i risultati scientifici e gli studi sui prodotti alternativi, ma non ha mai tenuto incontri faccia a faccia con le agenzie della sanità pubblica.

Margolis ha aggiunto che le misure per ridurre i danni legati al tabacco e promuovere i prodotti senza fumo hanno avuto successo, soprattutto nei Paesi in cui le scoperte scientifiche sono state condivise e accettate dalle agenzie della sanità pubblica e le società come Philip Morris sono state autorizzate a diramare le informazioni correlate con i consumatori in modo che potessero far conoscere con i loro prodotti e i loro benefici.

Basteranno questi argomenti a convincere il nuovo governo thai ad aprirsi al mercato delle sigarette elettroniche? Per scoprirlo, non ci rimane che attendere la pubblicazione delle nuove leggi antifumo, che dovrebbero essere rese note verso la fine del 2019 in Thailandia.